Auto-intervista immaginaria :)

Attigliano, martedì 19 gennaio 2016

Tutta la scuola secondaria di Attigliano oggi è in gita, precisamente in visita al monastero  di Farfa. O meglio, quasi tutta! Con mia grande sorpresa (e non solo!!) nei locali scolastici vagabondano due anime erranti e minorenni (appartenenti al girone della 2C), che hanno preferito non passare a casa nove lunghe e noiosissime ore.

Con i professori superstiti li vediamo alacremente all’opera e dunque rivolgiamo loro la seguente intervista.

INT: Che cosa provate esattamente nell’essere qui adesso?

Meless: All’inizio ero un po’ dispiaciuto per non essere andato in gita. Mi sono trovato isolato, a tu per tu con il professor Del Signore, eccellente insegnate, che si è preso cura delle mie carenze in geometria e mi ha illuminato la strada verso la risoluzione dei problemi.

Aurore: Anch’io sono stata sommersa da tristezza e disgusto, nei primi minuti, poi ho sperimentato una via di mezzo tra il divertimento e la noia.

INT: Che effetto fa la scuola senza studenti?20160119_160103

Meless: Una liberazione: per la prima volta nella mia vita di studente, ho avuto l’opportunità di alzarmi senza essere ripreso, camminare lentamente verso la finestra e guardare ammirato il panorama…20160119_160036

Aurore: Un grande sollievo: nessuno strillo, nessun rompiscatole, libertà quasi totale.

INT: Potresti descrivermi che cosa state facendo adesso?

Meless: Dopo la dipartita di Del Signore, si è avvicendata un’altra professoressa, con la quale avremmo dovuto condividere il nostro “triste ma non troppo” destino per altre quattro ore. Poi, rovistando nei meandri della scuola, ci siamo imbattuti in decine di rotoli polverosi e dimenticati: le carte geografiche.

20160119_125322Aurore: Sotto gentile invito della docente maggiorenne, armati di scotch, forbici e carta bianca, ci siamo dati da fare. Abbiamo restaurato le mappe rovinate e le abbiamo classificate per luogo, anno di edizione e scala di riduzione. Olè!

20160119_130950INT: Avete lavorato bene?

Meless: Direi proprio di sì. Abbiamo viaggiato per tutto il globo con un rotolo di scotch e un paio di forbici. Altro che monastero di Farfa!!

Aurore: C’étè pas mal!

20160119_160925

 

Come avete potuto vedere, non tutti i mali vengono per nuocere!

Vi aspettiamo con ansia, cari compagni di classe.

 

 

 

Annunci